LucasFilm arriva anche in Italia con il misterioso “Strange Magic”

 strange magicStrange Magic, primo film in Computer Generates Imagery firmato LucasFilm, esce oggi nelle sale italiane dopo un’attesa di parecchi mesi dal debutto americano.

Perché misterioso? Pare che il progetto di George Lucas non abbia fatto molto parlare, tanto che non sarà disponibile in un grand numero di sale. Troppo bizzarro? Direi piuttosto curioso.

Il trailer parla chiaro: i toni sono allegri e scanzonati, la storia sprizza energia da tutti i pori e non è certo il caso di aspettarsi il classico mix fra fiaba e musical alla Frozen (per intenderci). Se è vero che la trama rievoca il capolavoro Sogno di una notte di mezza estate, personaggi e umorismo superano di grand lunga l’originalità del classico Shakespeariano.

ECCOVI LA TRAMA

Strange Magic narra le disavventure romantiche di due principesse dalle orecchie a punta: Marianne (doppiata da Evan Rachel Wood) e la giovane sorella Dawn (Meredith Anne Bull). A scombinare il mondo delle due fate sono i preparativi per le imminenti nozze della maggiore, promessa sposa del focoso ma ignobile Roland. Nel momento in cui Marianne lo scopre a tradirla con due sgualdrine del bosco tutto cambia e la giovane principessa si tramuta in una aggressiva fata punk dal trucco tipicamente dark. Deciso a prendere possesso della corona Roland non si da per vinto e pensa bene di sfruttare a suo favore il bonario Sunny, un simpatico elfo dalla pelle scura che ama Dawn alla follia ma senza ricevere nulla in cambio.

strange-magic-09La pellicola è esuberante e moderna, strizza più di un occhio ad una generazione di dodicenni poco inclini a lasciarsi influenzare dalla vecchia magia Disney, principi azzurri e cavalli bianchi. Lucas si firma come esecutore produttivo e sceneggiatore ammettendo di aver scritto Strange Magic per le adolescenti di ultima generazione cercando di tracciare la differenza fra infatuazione e vero amore (concetto già visto in fondo nello stesso Frozen). Il film stesso si munisce di fascino e bellezza tutt’altro che superficiali mostrandosi al pubblico attraverso una popolazione di fate e folletti dai volti non troppo attraenti ma pur sempre simpatici. L’obiettivo di George Lucas era di realizzare un film molto più realistico di quello che il pubblico si sarebbe aspettato, portare l’animazione ad un livello superiore.

Ci sarà riuscito?

Non ci resta che andare al cinema per scoprirlo ;) Buona fortuna!

Posted In:

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...